Inizio 5 Cesp 5 Corso di aggiornamento: “DIDATTICA & Open Source nella Scuola Pubblica”

Corso di aggiornamento: “DIDATTICA & Open Source nella Scuola Pubblica”

da | 5 Ott 2023 | Cesp, Cesp Padova, Primo piano

Martedì 24 ottobre 2023, ore 9-13 Sala GRANDE “Marchesi_Lab”, viale Arcella 22, Padova
 

Collegamento per martedì 24 ottobre 2023, ore 9:00 circa:

https://fuss.bz.it/cesp

Sul portale SOFIA del Ministero – ID: 88571 DIDATTICA & Open Source nella Scuola Pubblica

—  

Registrazione disponibile al seguente indirizzo

https://bbb9.comeinclasse.it/playback/presentation/2.3/1b1aa29f94d8b7e3cce208781991903eef5f3cd3-1698129356479

  Il 16 luglio 2020 la Corte di Giustizia Europea ha giudicato illeciti i trattamenti dei dati da parte di aziende statunitensi quali Google, Amazon, Microsoft, Apple.1 Eravamo in piena pandemia Covid, con le Istituzioni scolastiche e universitarie dipendenti dai servizi di tali aziende per svolgere la didattica a distanza e – poi – quella digitale integrata.

     Se ce ne fosse stato bisogno, la sentenza è l’ennesima conferma che di gratuito, nei servizi offerti dalle cosiddette Big Tech, non c’è nulla: si paga con i propri dati (anche dei minori, soggetti a particolare tutela dalla legislazione); anche quando si paga, si continuano a fornire dati, a essere “spiati” e profilati.

     L’Italia è stata ed è il fanalino di coda per le competenze digitali e l’informatica tra i Paesi dell’Unione2. Ci vuole un cambio di rotta, servono scelte politiche coraggiose, ma i nostri decisori spesso conoscono poco la materia o sono attirati dalle sirene (€) delle Big Tech.

     I fondi europei del P.N.R.R. potrebbero diventare un’occasione affinché le scuole possano trasformarsi in poli d’eccellenza, investendo su sistemi e software liberi e open-source.

     Sostenibilità e sovranità digitale (leggi anche “tutela dei dati”) sono due concetti chiave per un sano approccio alle tecnologie informatiche da parte delle nostre scuole e di tutta la Pubblica Amministrazione. Lo sono altresì affinché le aziende del territorio possano andare a testa alta tra le Big Tech, facendo leva su un modello di condivisione realmente democratico, basato sul Software Libero, in grado di accelerare il processo di innovazione tecnologica e garantire la sicurezza dei nostri dati, seguendo i dettami del G.D.P.R.3.

     In Italia una legge a garanzia che tutto ciò possa realizzarsi c’è e si chiama Codice dell’Amministrazione Digitale (C.A.D.4). Essa pone in risalto la centralità del riuso del software e degli investimenti dedicati alla creazione di nuovo Software Libero5, per un’economia guidata da processi trasparenti e forme di condivisione.

     Questo convegno, questo momento di formazione, si propone di farlo partendo dai luoghi dell’Istruzione, per provare a cambiare l’attuale paradigma. Lo faremo con chi si occupa di software libero e open-source da diversi anni (decenni), offrendo soluzioni pubbliche e private, gratuite e a pagamento, ma sempre a codice aperto.

         Gianluca Maestra (per il Cesp del Veneto)


5 Ivi: Art. 68. Analisi comparativa delle soluzioni
 
Modulo richiesta permesso per aggiornamento/formazione
 

Materiali, presentazioni, dispense

Fascicolo per il Web

Fascicolo--Revisione_per_il_Web

Fascicolo

Fascicolo--Revisione_02--Per_la_stampa

Normativa

ciurcina_GDPR_CAD_SL_231024

Progetto FUSS

brochure-fuss-en-it-v6

2023-10-24_CESP_Dongilli

2023_09_28_PPSD_definitivo

Continuity — Progetto “Come in classe”

ZorinOS

Zorin-OS-Brochure-italiano-cesp-23-10-2023



Cesp Veneto

Pubblicato da: Cesp Veneto

Centro studi per la Scuola Pubblica

Via Monsignor Fortin 44 – Padova

Il CESP, Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova, è nato nel luglio del 2004. In questi anni, oltre a promuovere dibattiti, presentazioni di libri, rassegne cinematografiche e spettacoli teatrali inerenti al mondo dell’istruzione, ha sviluppato decine di convegni sul territorio.

SUPPLENZE A.S. 24/25  di AA.VV.

SUPPLENZE A.S. 24/25
di AA.VV.

Le supplenze Sono attribuite da GaE: sono le  Graduatorie ad esaurimento. Elenchi vuoti per tante classi di concorso, ma per alcune classi ci sono ancora aspiranti. Partecipano al 50% delle immissioni in ruolo; se non ottengono...

IL TELEFONO NO, NON SI PUO!?  di redazione

IL TELEFONO NO, NON SI PUO!?
di redazione

Al ministro Valditara piacciono gli annunci a "sorpresa" così si guadagna qualche bel titolone sui mass-media: E' il caso del divieto dei telefonini a scuola: aggiorna una circolare vecchia di 2 anni che, a sua volta ne riciclava un'altra...

CIAO CIAO MAD  di AA.VV.

CIAO CIAO MAD
di AA.VV.

Come preannunciato il Ministro d'imperio ha cassato il meccanismo che i suoi colleghi avevano predisposto per tamponare l'emergenza supplenze ( circa 250.ooo precari) in epoca COVID e dintorni, un meccanismo semplificato che spesso...

Categorie

Archivi

Shares
Share This